A cavo o a batteria? Tipi di alimentazione nei frullatori ad immersione

Quando si sceglie un qualsiasi piccolo elettrodomestico da cucina si è chiamati a scegliere se comprare un modello a filo o a batteria. Così è per i frullatori ad immersione, che si presentano in entrambe le tipologie, ognuna delle quali ha i suoi pro e contro. Il tipo di alimentazione condiziona l’impiego dello strumento, che può essere a cavo o cordless, il primo per un impiego più stabile, l’altro portatile e da campeggio. Ma vediamo meglio i vantaggi e gli svantaggi dell’uno e dell’altro per essere più liberi di scegliere. Se un modello cordless può tornare utile laddove non è presente una presa elettrica, quindi in luoghi isolati e in contesti non serviti dall’elettricità, bisogna riconoscere ai ‘rivali’ a cavo che sono più potenti sotto il profilo operativo.

Non è una novità che i migliori modelli a cavo siano più performanti per via di un motore a più alto wattaggio e, pertanto, si prestano a trattare anche alimenti più consistenti e di taglia ‘forte’. Non bisogna, però, dimenticare che hanno il limite di dover essere collegati alla presa elettrica per funzionare. Proprio a questo proposito, un aspetto che non tutti tengono nella dovuta considerazione è la lunghezza del cavo. Un filo troppo corto può rappresentare un handicap risultando vincolante nei movimenti. La lunghezza consigliata per il cavo di un mixer è di minimo un metro e mezzo per dare quell’autonomia che serve per lavorare senza intoppi e senza troppe limitazioni negli spostamenti all’interno della cucina. Per dribblare il problema si può sempre usare una prolunga, ma sappiamo che non è la soluzione migliore trattandosi di un elemento intermedio che stacca la continuità fra l’apparecchio e la presa di corrente.

Molto più ‘easy’ i cordless, che sono agili da manovrare ovunque, anche fuori dalla cucina o all’esterno di casa, con il limite di avere un’autonomia limitata dipendente dalla durata delle batterie e una potenza inferiore nella lavorazione degli ingredienti. Saranno le esigenze di ognuno a dettare, di volta in volta, la scelta più giusta. Intanto, se volete farvi un’idea sulle ultime novità di mercato vi consigliamo di andarle a ‘sbirciare’ sul sito www.frullatoreaimmersione.it.